Torta alle pesche sciroppate

Laura Bosio - 6 Agosto 2018

Torta di mele deliziosa con amaretti e cacao

Laura Bosio - 6 Agosto 2018

Torta alla ricotta di Paguro

Laura Bosio - 6 Agosto 2018

 

 

 

Filare di cipressi, Maremma

Merenderia “da Paguro” è un luogo magico.

Si trova vicino a Castiglione della Pescaia,  in Maremma,  nel punto in cui la strada prende verso Tirli da una parte e Punta Ala dall’altra.

Dopo una giornata trascorsa a Casetta Civinivi, bella spiaggia fine con ginepri e pineta, si va a mangiare qualcosa ancora con il sale addosso e i capelli arruffati dal vento e dal mare da Paguro.

Se arrivi presto ti servono bene e in fretta. Quest’anno il piatto di punta per me è sono stati i pomodori cuore di bue maturi e rossi, tagliati a metà e ricoperti di una salsina ai capperi, gustati con pane sciapo e vino rosso.

Alla fine non può mancare il dolce che propongono come pezzo forte: la torta di ricotta. Che detta così, pare poco, invece trattasi di una cheese cake alla maremmana, della quale ho chiesto la ricetta.

Tavola al tramonto, Maremma

La titolare l’ha scritta e spiegata di buon grado sul retro del conto ed io la condivido con voi.

Naturalmente ho dovuto aggiustare le dosi per la cottura casalinga e, dopo un paio di tentativi è venuta una bomba. C’è anche il mio tocco personale: il lemon curd.

Vi lascio con questa ricetta e vi auguro una felice estate, ricca di cose belle.

 

Dosi per una torta per 8 persone, con tortiera da 24 cm 

  • 500 gr di ricotta S. Lucia
  • 3 uova intere
  • 180 gr di zucchero
  • 200 gr di panna fresca oppure di creme freiche
  • 65 gr di farina 00
  • 1 bustina di lievito
  • estratto di vaniglia
  • 3/4 cucchiai di lemon curd ( a piacimento)

 

Preparazione

Non c’è regola. Mischiate tutti gli ingredienti con una frusta.

Foderate la tortiera con la carta da forno e versatevi il composto.

Il forno va preriscaldato a 220 gradi

Ponete la tortiera in forno caldissimo per i primi 15/20 minuti, poi abbassate a 180 gradi e coprite la torta con della carta stagnola. Lasciate in cottura altri 30 minuti.

Sfornate e lasciate raffreddare. Poi ponetela in frigorifero. Fredda è una poesia. se poi ci mettete un po’ di vin santo…

Mi direte.

2 comments

  1. Sono senza parole…
    La torta alla ricotta di Paguro è una mia ossessione da anni, ma non avevo mai osato chiedere la ricetta, che immaginavo custodita in una cassaforte di Atlanta insieme a quella della Coca Cola…
    Grazie!
    Si fa per dire, questo nuocerà gravemente alla mia salute…

    1. Caro Lorenzo, sono felice di aver esaudito questa tua grande curiosità! Come vedi ho la ricetta scritta a mano dalla titolare! Adesso non ti resta che provarla e farmi sapere come è andata! Aspetto tue notizie!

Leave a comment